Categoria : articolo, News, SUI GIORNALI

INTERVISTA DEL MESSAGGERO A D’ARPINO: I CITTADINI DI LABARO RISPONDONO

Postato su 08 Ottobre 2012 da ParcoColliDoro

Riportiamo l’intervista apparsa sul Messaggero del 7 ottobre u.s. al termine dell’articolo “UN PALAZZETTO CANCELLA IL PARCO A LABARO ESPLODE LA RIVOLTA” al Presidente della Lazio Pallavolo, la società privata che ha avuto in concessione per 42 anni la quasi totalità dl Parco di Labaro Colli D’oro per costruirci DENTRO un impianto sportivo composto da un palazzetto di 1.200 posti, piscine, campetti di pallavolo, bar, foresterie varie, che i cittadini del quartiere NON VOGLIONO che venga realizzato nel LORO parco, quindi non vogliono cemento al posto degli alberi.

 

I CITTADINI DI LABARO RISPONDONO PUNTO SU PUNTO ALLE MENZOGNE RACCONTATE DAL D’ARPINO

In risposta all intervista rilasciata dal Prof. d’Arpino al Messsaggero di ieri 7 ottobre 2012 , i cittadini residenti del Comitato Salviamo il Parco,
A gran voce ribadiscono :

1) Sono pochi esagitati
1) i pochi esagitati”quattro gatti”, hanno a disposizione 3500 firme regolarmente raccolte e protocollate, contrarie allo scempio del progetto.

2) era un posto pieno di drogati
2) nel mese di aprile u.s.é stata effettuata una pulizia straordinaria del parco da parte di  cittadini volontari .  Nulla é stato rinvenuto  (siringhe o quant altro) che avalla la tesi di “covo di  drogati” .

3) Porterà posti di lavoro
3) Prima di illudere gli abitanti del quartiere, con promesse di posti di lavoro , farebbe meglio a saldare  le sue pendenze nei confronti di fornitori ed ex dipendenti.

4) un quartiere con tanti problemi
4) definire il nostro quartiere “pieno di problemi” é un insulto ai cittadini: prima dell’ arrivo delle sue ruspe questa era un oasi di pace!

5) prima urlano e poi vengono da me a darmi i curriculum
5) individui che, come lei asserisce, le vengono a proporre un curriculum, non hanno niente a che fare con il movimento  SPONTANEO Salviamo il parco.

6) trovarsi un posto e uno stipendio da consigliere municipale
6) il suddetto movimento, non ha matrice politica : qualunque cittadino partecipa per contrastare  il degrado che porterà  la distruzione  di un polmone verde del quartiere .
D’Arpino é piombato in casa nostra,  e nel tentativo di mascherare i suoi chiari e vergognosi interessi, discredita il nostro parco definenolo Cagatore covo di brutta gente, al pari di quartieri come Scampia o il  Bronx.

Pertanto, stanchi per le  offese gratuite, i cittadini diffidano  D’Arpino a proseguire, con la sua tracotanza , ad abusare della nostra pazienza, ulteriori sproloqui offensivi, saranno valutati e denunciati alle competenti autorità giudiziarie.

Comitato salviamo il parco.

 

 

Scrivi un commento

Comitato Colli D'oro


Contatore alberi abbattuti


tempo trascorso dell'inizio dei tagli:

La pagina Facebook del Comitato

Pagine Facebook sul tema

Monitored by eVuln.com