Categoria : SUI GIORNALI

La Repubblica 27 gennaio 2012

Postato su 23 settembre 2012 da ParcoColliDoro

Labaro, abitanti in rivolta
contro la “Casa Lazio” nella pineta

Via ai lavori per il palazzetto del volley di Lotito. Gli abitanti: “Difenderemo gli alberi”. “Hanno segnato con la vernice rossa i pini che dovranno essere abbattuti: sono più di cento”

 

di PAOLO BOCCACCI

Manifesti, sit-in e striscioni tra gli alberi nella vecchia Pineta di Labaro. Iniziano i lavori per il nuovo centro sportivo della Lazio Volley, cemento per 50 mila metri quadrati, e il quartiere si ribella. “La mattina del 6 gennaio ci siamo accorti che erano stati istallati dei pali di recinzione per l’avvio del cantiere” raccontano “e il giorno seguente ci siamo recati dai vigili dell’Ufficio Tutela Ambientale e abbiamo fatto un esposto. Il progetto prevede la costruzione di un palazzetto dello sport con l’eliminazione di ben 103 alberi del parco e servizi molto invasivi come parcheggi e strade di accesso”.

Subito scatta la rivolta. “All’inizio eravamo sbalorditi, meravigliati e confusi” scrivono in un blog “perché il Parco Labaro è un polmone verde caro a tutti noi ed è stato selezionato per questo progetto in quanto lo hanno considerato addirittura “area degradata”. Ma come è possibile far passare questo scempio per una riqualificazione?”.

E così è sorto spontaneamente un movimento di protesta guidato da un gruppo di cittadini, che, ribadiscono, “hanno a cuore il destino della pineta”. Subito è stata aperta una pagina su Facebook dal titolo “Salviamo il parco dei Colli d’Oro, con un indirizzo mail per raccogliere notizie, ed è stato deciso di organizzare un presidio con il quale hanno bloccato i lavori per un giorno. “Solo il 21 gennaio gli operai hanno messo in sicurezza l’area. La campanella d’allarme è suonata però

quando sugli alberi sono comparsi dei segni rossi che ne indicano chiaramente la destinazione ad essere abbattuti”.

Le parole d’ordine della protesta sono dure: evitare il taglio anche di un solo pino, bloccare tutti i lavori all’interno del parco, chiedere che i cittadini siano consultati per l’utilizzo del territorio pubblico ed infine cambiare in modo definitivo la destinazione d’uso del Parco di Labaro da “area verde attrezzata” a “parco pubblico”. E la battaglia è continuata con una raccolta di firme e con l’iniziativa “adotta un albero”. Prossimi appuntamenti domani e sabato 4 febbraio, sempre nella Pineta.

A denunciare la vicenda del centro sportivo della Lazio Volley, ora in costruzione dopo la vittoria di un bando il 20 settembre del 2006, con la giunta Veltroni, è Legambiente Lazio. Afferma Mauro Veronesi, responsabile del Territorio dell’associazione: “É battezzato Centro Comunale, pur essendo realizzato da privati, e la durata della concessione dell’area è di 45 anni. Dov’è l’interesse pubblico nell’operazione lanciata dall’ex giunta e riconfermata da Alemanno?”.

E Lorenzo Parlati, presidente regionale degli ambientalisti: “No alla colata di cemento nel verde, che tra l’altro potrebbe servire al patron Lotito per togliere metri cubi dall'”operazione nuovo stadio” sulla Tiberina e farsela così approvare”.

Scrivi un commento

Comitato Colli D'oro


Contatore alberi abbattuti


tempo trascorso dell'inizio dei tagli:

La pagina Facebook del Comitato

Pagine Facebook sul tema

Monitored by eVuln.com