Archive | settembre, 2012

TG Lazio del 29/09/2012, edizione delle 19.30 – Servizio Parco Labaro Colli D’oro

Posted on 30 settembre 2012 by ParcoColliDoro

Ennesimo servizio della RAI sul Parco di Labaro Colli D’oro ma, nonostante le denunce della TV, gli articoli sui giornali, le pagine sui blogger, nonostante siano state raccolte oltre 3.000 firme, nonostante il Parco risulti essere il più votato di Roma tra i “Loghi del Cuore” nella statistica 2012 del FAI, i nostri politici continuano, con l’arroganza e la prepotenza che li contradistingue, a far finta di nulla
… nonostante continuano a cadere molte delle loro teste per fatti di corruzione e reati vari.

 

 

 

Comments (3)

FERMIAMOLI

Posted on 30 settembre 2012 by ParcoColliDoro

[embedplusvideo height=”365″ width=”600″ standard=”http://www.youtube.com/v/tsiVLEtBkYU?fs=1″ vars=”ytid=tsiVLEtBkYU&width=600&height=365&start=&stop=&rs=w&hd=0&react=1&chapters=&notes=” id=”tsiVLEtBkYU” /]

Comments (0)

Casa Lazio Bob Lovati ? NO GRAZIE !!

Posted on 30 settembre 2012 by ParcoColliDoro

Della “Casa Lazio Bob Lovati” i cittadini del quartiere non ne vogliono proprio sapere.

Petizioni, assemblee, interviste sui giornali, propaganda pubblica e sit-in. Per chi avesse seguito le ultime news da Labaro, non si può certo dire che di fronte ai problemi del quartiere i suoi cittadini siano rimasti impassibili. Da qualche mese, i “labarensi” si stanno trovando faccia a faccia con una scoraggiante prospettiva: il parco di Colli D’oro, 70enne angolo verde al centro del quartiere, presto verrà smantellato per ospitare un palazzetto dello sport ad opera della Lazio Volley, con il nome “Casa Lazio Bob Lovati”.

Ma i cittadini non ne vogliono minimamente sentir parlare e, sabato 10 marzo presso l’istituto ITIS B. Pascal, ne hanno dato conferma. La piccola aula proiezioni nell’arco di mezz’ora si è infatti gremita di persone. Assenti i rappresentanti politici, a parte Andrea Antonini, consigliere del gruppo misto del XX Municipio.

Sul proiettore vengono passate in rassegna foto, video e documenti che contribuiscono a compensare quell’informazione che i cittadini di Labaro rivendicano agguerriti.

Questo progetto è stato prima preso in gestione da Veltroni nel 2005 e poi dalla giunta Alemanno. Un intero arco costituzionale in poche parole. Noi chiediamo ai politici e agli amministratori non di abbattere il progetto, ma di spostarlo in un’altra area. Vi è stata inoltre una mancanza di trasparenza che ci potesse informare in maniera esplicativa la situazione” ha dichiarato Stefano Cella, rappresentante, assieme ad Angelo Natalucci, del Comitato Cittadino per il XX Municipio, organizzatore dell’evento.

Infatti, prima della pubblicazione degli atti ad opera del Comune, le uniche informazioni disponibili ai cittadini erano reperibili solo tramite Internet, tra l’altro tacciate di incompletezza. E nel rispondere alla mancata informazione, il Comitato ha schierato ingegneri, geometri, architetti e personalità competenti che potessero spiegare semplicemente il progetto agli interessati.

Siamo a favore della collettività perché i cittadini pagano per essere rappresentati e tutelati. Chiediamo al Comune e al Municipio di confrontarsi con i residenti e di rimettere mano al progetto” ha sostenuto Angelo Natalucci ricordando che proprio per questo, lo scorso lunedì 5 marzo, il Comitato aveva invitato Comune e XX Municipio a sedersi intorno ad un tavolo per consultare le carte del progetto e confrontarsi apertamente. Un incontro che peraltro era stato annunciato e promesso già fine gennaio.

Il progetto “Casa Lazio Bob Lovati”

Il Comitato si è dichiarato contrario al progetto per diversi motivi: in primis la natura del terreno sul quale effettuare i lavori e subito dopo il mancato coinvolgimento dei diretti interessati, i cittadini appunto (ndr: stando al piano lottizzazioni del ‘77, gli abitanti delle palazzine nei pressi del parco hanno pagato una tassa comunale che rendesse l’area “verde pubblico” e permettesse la condivisione con il resto del quartiere)….

continua a leggere l’articolo completo di Barbara Polidori su www.vignaclarablog.it

Comments (0)

Legittimo allarme sul destino del Parco

Posted on 30 settembre 2012 by ParcoColliDoro

“L’allarme dei cittadini del quartiere Colli D’oro di sul destino del Parco è più che leggittimo”

lo ha affermato Vincenzo Pira, coordinatore PD nel XX Municipio, in una nota inviata alla testata www.vignaclarablog.it  nella quale, oltre a ripercorrere le tappe del progetto di quella che sarà la “Casa Lazio Bob Lovati”, avanza anche delle proposte.

 

  •  “Riteniamo che sia necessario ridurre il perimetro della trasformazione (che non coincide con quello dell’area di cantiere) in direzione Via Dalmine al fine di contenere il consumo di suolo; realizzare la foresteria nell’attuale sede del servizio giardini che deve essere ricollocata in prossimità dei parcheggi (tale modifica al progetto ridurrà notevolmente le volumetrie previste nell’area verde e doterà Roma Capitale di una nuova sede finalmente a norma) e ridurre le altezze dell’impianto sportivo di almeno 3 metri , comunque nel limite delle norme internazionali, per un inserimento armonico dei volumi nel contesto esistente.”
  • “Riteniamo infine che sia necessario attraverso l’accordo di gestione rafforzare l’impianto degli interessi pubblici rispettando il canone sociale concordato con l’amministrazione per tutti i cittadini, la possibilità di utilizzo delle strutture per associazioni, scuole, comitati e cooperative sociali impegnate nel sostegno ai diversamente abili. Garantire infine, attraverso la realizzazione di eventi teatrali, culturali e musicali la crescita culturale del quartiere.”
  • “In assenza di una puntuale informazione e garanzia di difesa del patrimonio e degli interessi pubblici da parte dell’amministrazione municipale e di Roma Capitale l’allarmismo nato nel quartiere risulta essere non solo motivato ma sacrosanto. Per questa ragione – conclude Vincenzo Pira – chi oggi ha responsabilità di governo intervenga al fine di garantire la piena sostenibilità del progetto e il monitoraggio costante sulle attività pubbliche date in affidamento all’associazione Lazio Volley.”

…leggi l’articolo completo sul blog www.vignaclarablog.it

Comments (0)

Estratto verbale giunta comunale delibera 155 del 9 giugno 2010

Posted on 29 settembre 2012 by ParcoColliDoro

ecco l’estratto del verbale della giunta comunale (la famosa e maledetta delibera 155 del 9 giugno 2010) avente come oggetto:

“Approvazione progetto definitivo relativo alla realizzazione di un impianto sportivo su area di proprietà comunale sita in Roma, Municipio XX, all’interno dei Piani di Lottizzazione “Colli d’Oro”, “La Valletta” in concessione alla Società Sportiva Dilettantistica Lazio Pallavolo a r.l. – Importo complessivo dell’intervento Euro 10.548.467,98 suddiviso in n. 2 lotti funzionali: il 1° lotto di Euro 5.233.466,55 e il 2° lotto di Euro 5.315.001,43.”

 

Comments (0)

Estratto verbale CONSIGLIO DEL MUNICIPIO ROMA XX (seduta pubblica del 19 marzo 2012 )

Posted on 29 settembre 2012 by ParcoColliDoro

Ecco la copia dell’estratto dal verbale del CONSIGLIO DEL MUNICIPIO ROMA XX (seduta pubblica del 19 marzo 2012 )
nella quale viene spiegato in parte come si è svolta tutta la cronostoria della messa a bando del nostro parco.
ed avente come oggetto: Pineta di Colli d’Oro – Casa Lazio “Bob Lovati”
nel quale emergono molti elementi interessanti

Comments (0)

LETTERA APERTA ALL’ASSESSORE MARCO VISCONTI

Posted on 28 settembre 2012 by ParcoColliDoro

 
 
 
LETTERA APERTA inviata per email il 28/8/2012 alle ore 18:42
 
Gentilissimo Assessore all’Ambiente del Comune di Roma Marco Visconti
siamo della redazione di http://www.parcocollidoro.it/ (che la invitiamo a visitare)
 
Lei per caso ha mai sentito parlare, anche vagamente, del Parco di Labaro zona Colli D’oro?
Si tratta di una bellissima pineta di circa 10 ettari di alberi ultra centenari situata appunto a Labaro, nella XX circoscrizione
tutta l’area del parco ha destinazione verde pubblico non edificabile dove proprio per questa particolare caratteristica di verde pubblico, tranquillità e riposo gli attuali cittadini della zona di Colli D’oro hanno deciso di abitarci con le loro famiglie, anche se un po’ lontano dal centro.
Grazie ad una sua delibera, il Comune di Roma, vorrebbe dimezzare il parco per costruirci un mega impianto sportivo privato da 1500 posti (che nessuno del quartiere vuole).
 
Egregio Assessore, perché lei e gli altri componenti della giunta con sindaco in testa non ascoltate qualche volta anche l’opinione dei cittadini di quartiere  o quantomeno metterli a conoscenza di cosa vorreste fare nel quartiere dove essi vivono, almeno in questa materia che riguarda la loro vita quotidiana prima di decidere sulla loro pelle?
Vi avremmo potuto consigliare un sito molto più idoneo, attrezzato e funzionale con ampio spazio per accogliere le strutture sportive, con adiacente una fermata del trenino di Roma Nord, spazi già predisposti per il parcheggio, senza andare a distruggere una pineta nel bel mezzo di un quartiere residenziale, dove il parco rappresenta l’unico polmone verde di tutta la zona.
 
Lei, in tutta questa vicenda in qualità di assessore all’ambiente è sempre stato ASSENTE
 
… almeno ci faccia sapere cosa ne pensa, saremmo lieti di pubblicare in questa stessa pagina del sito una sua risposta.
 
La redazione di
email:

Comments (0)

IL PARCO COLLI D’ORO NON SI TOCCA !!

Posted on 28 settembre 2012 by ParcoColliDoro

Nella campagna elettorale l’attuale Presidente della XX circoscrizione come si vede in questa intervista si impegnò ad ascoltare i cittadini e i comitati di quartiere e, testuali parole di “far divenire realtà le loro istanze”: bene questa è l’istanza dei cittadini di Labaro Colli d’oro : IL PARCO COLLI D’ORO NON SI TOCCA !!

 

 

Comments (1)

RICORDATE QUESTI NOMI E NON VOTATELI PIU’

Posted on 27 settembre 2012 by ParcoColliDoro

– ci hanno privati della possibilità di esprimere un nostro parere in merito al parco,

– hanno deciso per noi senza chiederci nulla,

– ci hanno volutamente nascosto tutto quello che avevano concordato a tavolino fino all’untimo minuto per evitare,

– hanno fatto finta di nulla quando siamo andati a chiedergli di darci una mano

eccoli mentre una delegazione di cittadini raccontava al consiglio la situazione del parco, nessuno li ascoltava si giravano dall’altra parte facendo finta di nulla, ridendo e parlando tra di loro

ma abbiamo da parte nostra uno strumento che può fermarli:

IL VOTO

e questo è un’atteggiamento corretto verso chi li ha votati?

https://www.youtube.com/watch?v=HT7uxVPOclo

https://www.youtube.com/watch?v=9DElEH0joNg

 

(i video sono stati rimossi dalla rete)

GUARDATE QUEST’ATTEGGIAMENTO!

RICORDATE I LORO NOMI

SONO I POLITICI DELLA XX ELETTI DA NOI

CHE HANNO VOLUTO O NON SI SONO OPPOSTI

ALLA COSTRUZIONE DEL PALAZZETTO NEL NOSTRO PARCO

QUINDI SONO COLPEVOLI DELLA DISTRUZIONE DEL PARCO

Presidente Giunta GIANNI GIACOMINI

Assessore MARCO PERINA

Assessore STEFANO ERBAGGI

Assessore GIUSEPPE MOCCI

Assessore UMBERTO SACERDOTE

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO

SIMONE ARIOLA

 

PDL

ANTONIOZZI DARIO

ARIOLA SIMONE

CALENDINO GIUSEPPE

CASASANTA CLARISSA

COSTANTINI SONIA

DERENTI ANTONIO

LELLI CESARINO

MASSIMINI DANIELE

MORI GIORGIO

PASERO CRISTIANO

PETRELLI MARCO

PETRUCCI FRANCESCO

SCIARRETTI LUCIANO

SCIPIONE ANTONIO

TARGA FEDERICO

PD

COZZA ALESSANDRO

PARIS ELISA

SCOPPOLA FRANCESCO

STERPA ALESSANDRO

TOLLI MARCO

TORQUATI DANIELE Capogruppo

LA SINISTRA L’ARCOBALENO

PICA ALESSANDRO Capogruppo

GRUPPO MISTO

PANDOLFI GIULIANO Capogruppo

ANTONINI ANDREA

CONSIGLIERE AGGIUNTO

RAFANAN DEMETRIO RAGUDO

Comments (0)

Ferrovia Roma-Nord: una vergogna!

Posted on 26 settembre 2012 by ParcoColliDoro

L’ing. Ernesto Besenzanica (1864-1940) che costruì la ferrovia Roma Nord inaugurata il 28 ottobre 1932,
è sua la statua che troneggia all’ingresso della stazione di Piazzale Flaminio,
si starà rivoltando nella tomba per il degrado nel quale è caduto questo servizio ferroviario negli anni.

Dal 1976 la gestione della ferrovia passò prima all’ACOTRAL, la ex STEFER e successivamente all’ATAC.
In questo passaggio, i primi anni le cose continuarono a funzionare abbastanza bene, ma poi con la gestione ATAC le cose sono andate man mano sempre peggiorando.

 

pubblichiamo la lettera aperta che Vincenzo Pira, coordinatore del PD XX Municipio, ha inviato in qualità di semplice cittadino a Carlo Tosti, amministratore delegato di Atac SpA.

“Gent.mo Dott. Tosti,sono un cittadino che ogni giorno si reca alla stazione di Labaro per prendere il trenino che porta a Piazzale Flaminio. Lo faccio da circa vent’anni. Come ogni anno pago pegno scrivendo per protestare con l’amministratore Delegato di ATAC, sperando che lei sia più efficiente che chi l’ha preceduta nel ruolo, e si possa avere qualche risposta.”

“In questi ultimi anni vi è stato un forte aumento del numero dei viaggiatori che dovrebbe imporre un rafforzamento della linea e un miglioramento dei servizi. Invece ogni giorno è peggio. Ho sentito spesso negli ultimi anni, perché direttamente interessato, le promesse fatte da chi è responsabile di questo servizio.”

“Nel mese di luglio si è creata una situazione insopportabile documentata da centinaia di reclami che spero le siano giunti. Come ha denunciato in una lettera a voi indirizzata una viaggiatrice, cittadina romana, siete a conoscenza del fatto che la tratta Piazzale Flaminio – Montebello si percorreva l’anno scorso in 22 minuti e che ora, in condizioni normali, si percorre in 30/35 minuti?
Siete a conoscenza che a fronte di una reale diminuzione delle corse, i passeggeri sono aumentati , invece, in maniera esponenziale?
Sapete che il materiale rotabile del servizio urbano non viene ammodernato dal 1990 (anno dell’acquisto)?
Ed infine, è a sua conoscenza che anonimi cartelli affissi a Piazzale Flaminio avvisano della cancellazione di corse ogni giorno, soprattutto nelle ore di maggior frequentazione dei passeggeri?”

“I lavori alla stazione di Prima Porta, causa ultima dell’attuale disastro, dovevano essere terminati l’estate scorsa e non si capisce come mai, a differenza proprio dell’estate scorsa, l’ATAC abbia deciso di non attuare lo stesso piano di mobilità alternativa che, pur non perfetto, ha consentito – durante l’estate 2011 – ai pendolari di raggiungere i rispettivi luoghi di lavoro e rientrare a casa senza particolari traumi.”

“La nuova stazione a Piazzale Flaminio quando sarà pronta? L’attuale è del tutto inadeguata; i vecchi e le persone diversamente abili non riescono a salire nei treni in quanto mancano le banchine. Le condizioni di sicurezza non rispettano minimamente i parametri necessari; non esistono uscite di emergenza, non vi è affisso un piano di evacuazione in caso di pericolo e il numero di passeggeri in certe ore è tale che se succede qualsiasi incedente non si riesce ad uscire e sarà del tutto inutile il ricordare che in tanti lo hanno più volte denunciato.”

“Nelle stazioni recentemente rifatte gli ascensori sono bloccati e le chiavi custodite a P.le Flaminio così mamme con i passeggini, anziani, disabili e chiunque altro ne abbia bisogno rimane bloccato sulla banchina di arrivo senza poter attraversare i binari senza aiuto.”

“Il Comitato Cittadini & Servizi composto dalle seguenti associazioni: ADICONSUM Roma e Lazio, ADOC Roma e Lazio, Assoutenti UTP, Dimensione Trasporti, Federconsumatori Roma e Lazio avevano firmato con l’azienda che gestiva il servizio una intesa per superare alcune criticità quali: informazioni all’utenza nei casi di irregolarità del servizio; tempi di attesa; comfort e la vivibilità nei treni e nelle stazioni; quantità e qualità delle prestazioni professionali.”

“Sono passati più di cinque anni e ben poco è stato fatto. I treni nuovi promessi non si vedono. Comunicazioni di servizio inesistenti in quasi tutte le stazioni. I cittadini hanno più volte fatto richieste per aumentare il numero di corse negli orari di maggior affluenza. Invece, come ogni estate sono già decine, ogni giorno, le corse cancellate. C’è gente che continua a lavorare anche a luglio ed agosto. E il numero di turisti che usano tale servizio è fortemente aumentato.”

“I treni sono del tutto inadeguati: sporchi, c’è sempre qualche porta che non si apre senza climatizzatori in estate diventano forni ambulanti. ATAC ha aumentato (e non di poco) il costo del biglietto e degli abbonamenti ma il servizio è peggiorato ed è pessimo”.

“Aspettiamo da lei, e dalle associazioni dei consumatori che si erano prese l’impegno di monitorare il servizio, risposte dovute a chi paga il servizio e reclama diritti di cittadinanza. Stanco di essere suddito silenzioso. Cordiali saluti, Vincenzo Pira.”

Comments (0)

Comitato Colli D'oro


Contatore alberi abbattuti


tempo trascorso dell'inizio dei tagli:

La pagina Facebook del Comitato

Pagine Facebook sul tema

Monitored by eVuln.com